venerdì 1 dicembre 2017

SORRIDETE CON UN EBOOK GRATIS




La mia autrice, Lara Zavatteri, ha partecipato a questa antologia natalizia con un racconto. L'ebook curato da Gli scrittori della porta accanto è gratis! Scaricate e leggete subito il suo e tutti gli altri racconti!
Un sorriso per un dono anticipato di Natale! ;)

Agata

Link
http://www.gliscrittoridellaportaaccanto.com/2017/12/ed-e-subito-natale-raccolta-di-racconti.html

martedì 21 novembre 2017

UN ANNO CON AGATA

Cari amici,
è passato quasi un anno da quando la mia autrice, Lara Zavatteri, ha iniziato a far conoscere la mia storia grazie al libro "Agata.Come un funerale ti salva la vita". 
Molte cose sono successe quest'anno, grazie anche a questo libro è stato possibile per la mia autrice portare avanti progetti benefici a favore del Canile di Naturno ed altri solidali per le persone, il libro insieme ad un altro di Lara (Un cane di nome Giuliano) è volato ad Amatrice per l'iniziativa "Un libro per Amatrice", si è parlato del libro in radio alla Rai di Trento, per Radio Book (qui sopra sentite l'estratto) ed altro che racconterò a breve.
L'importante è stato riuscire a far sorridere e ridere le persone e questo è un bel traguardo, mi pare!

 A presto e se volete conoscere la mia storia la trovate sul libro Agata.Come un funerale ti salva la vita su www.youcanprint.it, Ibs, Amazon, Mondadori Store o richiedendolo in libreria (titolo, lara zavatteri, youcanprint) o a larazavatteri@gmail.com o a Lara in via 4 novembre a Mezzana (val di Sole-Tn).
A presto,
Agata

giovedì 16 novembre 2017

PANDA PER RIDERE

Provà a tormela! (Provate a prendermela!)






Per ridere, un sorriso a voi e leggete le mie avventure nel libro Agata.Come un funerale ti salva la vita.

Agata

lunedì 6 novembre 2017

UNA RISATA CI/MI SALVERA'?

Ciao a tutti.
Con gli estratti che trovate scorrendo il blog (più quello da sentire in alto a destra) potete capire come inizia la mia storia, ma alla fine una risata mi e ci salverà?
Sarà solo un modo di dire?
Come avete capito la mia idea nel libro è uscire dal mio isolamento grazie alla partecipazione ai funerali e gli stessi defunti diventano protagonisti del libro con le loro strambe storie e i loro strani funerali.
Con me ci sono sempre altri personaggi come il signor Lino e la signora Ofelia e la mia avventura dura un anno intero, ma riuscirò nell'intento di restare nella mia casa, uscire dal mio eremitaggio e, magari, far sorridere di più anche gli altri?
Scopritelo leggendo il libro "Agata. Come un funerale ti salva la vita"! 

Un sorriso

Agata

martedì 31 ottobre 2017

LA STREGA AGATA

Ciao a tutti!
In tema con Halloween, lo sapete che anche di me pensavano che fossi un pò una strega? Nel libro infatti si racconta la mia storia, quella di una donna che decide, per anni, di vivere isolata.
Proprio questo mio isolamento crea intorno a me una sorta di mistero, tanto che mi credono una specie di strega, per l'appunto.
Grazie alla partecipazione ai funerali però la gente dovrà ricredersi...

Buon Halloween!
Agata

martedì 24 ottobre 2017

I PROTAGONISTI "DI CONTORNO"DEL LIBRO AGATA

Ciao a tutti.
Come sapete la protagonista del libro sono io, Agata, oltre alle persone che "partecipano" essendo il loro funerale. Ma ci sono anche dei personaggi di "contorno".

La signora Ofelia
Una signora che pare tutta educata, ma a cui certe volte non importa di parlare non più tanto "controllata".

Il signor Lino
Appassionato di orti, insieme alla signora Ofelia è uno degli "affezionati" dei funerali

Il signor Lauro
Ne spara una grossa ad un funerale, crede di sapere tutto perchè è appassionato di telefilm come Grey's Anatomy

La signora Elsa
Si  ritrova con i capelli blu ma si riprende dopo un attimo di smarrimento

Sebastiano
Un ragazzino che con la sua bravura nel disegno diventa indispensabile per risolvere una situazione comica durante un funerale. 

Questi ed altri protagonisti li scoprite nel libro "Agata.Come un funerale ti salva la vita" su www.youcanprint.it o larazavatteri@gmail.com o richiedendolo in libreria.

Cari saluti

Agata

martedì 17 ottobre 2017

ANCHE IL LIBRO AGATA SOLIDALE



Ciao a tutti!
Anche il libro con la mia storia “Agata.Come un funerale ti salva la vita” ha contribuito a rendere possibili i progetti benefici sui libri della scrittrice solandra Lara Zavatteri. In particolare con questo testo e gli altri (anche Rispamia Subito!) scritto con Mirko Rizzi, è stato possibile:
1) Aiutare il Canile di Naturno (Bolzano) con 156 euro, bonifico già effettuato;
2) Concretizzare 3 microprogetti cioè sms solidali della Fondazione Italiana Autismo, piccola donazione per la Fondazione Ronald McDonald Italia per i bambini in ospedale e acquisto del cd dei Gatti Randagi, cover band ufficiale trentina dei Nomadi. Parte del ricavato del cd infatti è devoluto all'associazione “Augusto per la vita” che si occupa di ricerca sui tumori.

Grazie a tutti coloro che hanno partecipato, in questo caso soprattutto a chi ha voluto leggere la mia storia.
Tra l'altro, questo libro è volato anche ad Amatrice per l'iniziativa “Un libro per Amatrice”.
Insomma anche la mia storia quest'anno ha contribuito a fare del bene.
Volete divertirvi leggendola?
Scopritela leggendo gli estratti gratuiti qui nel sito e, se volete, potete acquistare il libro, inserendo il titolo su www.youcanprint.it e negozi online di libri, al Punto di lettura di Mezzana (val di Sole, Trentino) richiedendolo in libreria (titolo, Lara Zavatteri, Youcanprint) o scrivendo a larazavatteri@gmail.com.

Grazie a tutti e buona lettura!

Agata

mercoledì 11 ottobre 2017

ESTRATTO DEL LIBRO



Ciao a tutti. Ecco per voi un estratto gratuito del libro Agata.Come un funerale ti salva la vita. In questo estratto sono al funerale dei gemelli siamesi Alex e Walter. Leggete cosa si inventa il signor Lauro!



Al gruppo si aggiunse il signor Lauro, che portava con fierezza un nome così desueto e fuori dal comune. Salutò tutti, mentre cercavano, come sempre, di camminare lenti nel corteo, per non inciampare in qualcun altro.

Non avete sentito l'ultima” sbottò il signor Lauro, come se non vedesse l'ora di raccontare la notizia “pare che durante l'operazione, i medici non riuscissero a staccarli”.

Cosa? Com'è possibile?” chiesero quasi insieme gli altri tre.
Il signor Lauro, famoso per aver visto e rivisto centinaia se non migliaia di volte-considerando la poca offerta di programmi che passava la tv, c'era da capirlo- le puntate di E.R. prima e di Grey's Anatomy dopo, sapeva tutto e non si prese la briga di nasconderlo, pur sussurrando per non farsi sentire e magari non turbare chi passava accanto a loro nel corteo.

Sì, insomma ho sentito che durante l'operazione non sono riusciti a staccarli per ore, nemmeno i medici capivano il perché di quella resistenza. Comunque alla fine ce l'hanno fatta, li hanno staccati e per coprire la parte esposta di ognuno l'hanno coperta con cemento armato”.

Che cosa?” urlò quasi Agata, senza rendersene conto. Le pareva incredibile che avessero cementato i due gemelli.

Sì, sì, ma di quel cemento poroso, che lascia passare l'umidità, così si consumerà insieme al corpo” si premurò subito di specificare il signor Lauro.

La combriccola lo guardò con occhi fuori dalle orbite.

Per l'amor di Dio, signor Lauro, basta! Ma di che diavolo va cianciando?” lo zittì la signora Ofelia “Non si potrà certo fare una cosa del genere, cementare la gente, santi numi! Valeva la pena scaraventarli in una fossa di calce allora!”

Ancora una volta ad Agata, per quel linguaggio della signora Ofelia che passava da espressioni come “cianciare” a “scaraventarli in una fossa” venne da ridere, ma si trattenne. D'altro canto tutto quel funerale era talmente bizzarro che un po' d'ilarità suscitava in tutti.

Dica, sa se hanno usato quello ecologico?” chiese il signor Lino, che giusto la settimana prima aveva usato quello per dei lavori sul vialetto di casa.

Sì sì, di quello, la marca migliore” rispose il signor Lauro, sicuro del fatto suo, quasi orgoglioso di essere a conoscenza di tutti quei dettagli.

Le due donne li guardarono fulminandoli, così fino in chiesa non si parlò più della cementificazione dei gemelli siamesi. Ma la signora Ofelia aveva ragione. C'erano due preti, due cori-uno cantava musica gregoriana, l'altro gospel-due tipi di fiori, rose e gigli bianchi, e la gente per assistere ai funerali passava di continuo da un lato della chiesa, dove c'era Walter, all'altro dove stava invece Alex. Alla fine però i due carri funebri arrivarono insieme al cimitero e i due fratelli furono sepolti uno accanto all'altro.

Salutati i tre con cui aveva assistito al rito, Agata decise di svignarsela e tornare subito a casa. Stavolta non c'era spazio per chiacchiere o inviti a casa, le era venuta una paura del diavolo. E se anche alla sua morte, per qualche motivo, tipo perché aveva la sciatica, una cicatrice sulla schiena o chissà per quale altra ragione, avessero cementificato anche lei o una parte del suo corpo? Il signor Lauro avrebbe poi fornito tutti i particolari del caso. Agata fuggì verso casa, dopotutto il suo dovere era stato compiuto anche stavolta, ma doveva distrarsi. Accese la tv mentre ancora si toglieva il vestito per il funerale e cacciò un grido: davano Grey's Anatomy. Ci volle qualche giorno per comprendere che il signor Lauro, per la cementificazione, si era inventato tutto di sana pianta.


Spero che questo estratto vi sia piaciuto! Se desiderate leggere il libro lo trovate su www.youcanprint.it, Ibs, LaFeltrinelli, Amazon, Giuntialpunto.it, Mondadori Store e negozi online di libri, al Punto di lettura di Mezzana (val di Sole, Trentino) o richiedendolo in libreria citando autore (Lara Zavatteri) e editore (Youcanprint) in tutti i casi anche ovviamente il titolo, o ancora richiedendolo a Lara in via 4 novembre 21 a Mezzana in val di Sole (Trentino).

Buona lettura e un sorriso a tutti voi!

Agata


mercoledì 4 ottobre 2017

PER RIDERE E IL LIBRO SCONTATO SU IBS






"Che roba!"


Pare dire questo il simpatico koala della foto, vero? D'altra parte gli animali non finiscono mai di stupirci e farci sorridere, anche con le loro espressioni.

Continuate a sorridere leggendo anche la mia storia, il libro "Agata.Come un funerale ti salva la vita" attualmente lo trovate scontato sul sito di Ibs!
Date un'occhiata
Ibs Agata

Un sorriso a tutti voi!

Agata ;)



martedì 26 settembre 2017

TRAILER DEI MINIONS, PER RIDERE!

Ciao a tutti. Oggi per farvi una risata guardate il trailer del film dei Minions, già uscito nelle sale, ma sempre divertente, attualmente potete andare al cinema per vedere Cattivissimo Me 3. E per continuare a divertirvi leggete il libro Agata.Come un funerale ti salva a vita, a Mezzana (val di Sole, Trentino) lo potete trovare anche in biblioteca. Buon divertimento!

Agata

Vi aspetto su www.larazavatteri.blogspot.com










mercoledì 20 settembre 2017

AGATA SCONTATA!



Ciao a tutti.
Se volete leggere la mia storia la trovate nel libro Agata.Come un funerale ti salva la vita, attualmente sul sito de La Feltrinelli il libro è scontato del 15%, date un'occhiata:

Link

Grazie e a presto!

Agata 

lunedì 11 settembre 2017

DAL LIBRO AGATA...ESTRATTO GRATUITO

Ciao a tutti. Ecco per voi un altro estratto gratuito del libro Agata.Come un funerale ti salva la vita, e buona settimana!

Agata

All'inizio, a parte la visita a casa di Sebastiano e sua madre per vedere i disegni, erano stati cambiamenti da poco. Una tenda lasciata aperta, un saluto con la mano a qualche vicino, un barattolo di piselli comprato in negozio anziché infilato negli ordini per la spesa da farsi recapitare a casa. Agata non se n'era nemmeno accorta, di questi cambiamenti, ma chi abitava nel quartiere se n'era accorto eccome e la gente si domandava che intenzioni avesse, dopo tanto tempo che era rimasta segregata in casa, dopo anni, decenni in cui nessuno la vedeva più in giro. Si mormorava insomma su questo suo cambiamento, qualcuno ebbe il coraggio di scambiare anche due parole con la rediviva, incontrandola nel giardino. Le cose per Agata stavano cambiando, ma lei ancora non se ne rendeva conto, presa com'era a partecipare a veglie funebri e funerali, col fermo proposito di non finire in una casa di riposo, magari imbottita di tranquillanti o legata ad una sedia perché altrimenti sarebbe fuggita nuda e urlante, anche se non comprendeva perché dovesse, nel caso, fuggire nuda.
Mentre questi piccoli ma costanti cambiamenti avvenivano, si sparse nel quartiere la voce che sarebbe stato organizzato un funerale per la signora Edvige, scomparsa anni prima e sepolta in una città lontana, dove era andata a vivere, lasciando però scritto che dopo un certo numero di anni (decisi da lei) dalla sua dipartita voleva essere ripresa dalla terra e portata nel suo paese, nel cimitero del suo paese.
Così per Agata si profilava la terza opportunità per mettersi in ghingheri e prendere parte ad una nuova cerimonia funebre.


















martedì 5 settembre 2017

PER RIDERE....

https://cdn0.matrimonio.com/usr/1/6/8/6/cfb_783666.jpg

E se volete continuare a ridere e sorridere, leggete Agata.Come un funerale ti salva la vita, potete acquistarlo online (Youcanprint, Ibs, Amazon) richiedendolo in libreria (specificando titolo, autore-Lara Zavatteri editore Youcanprint) o richiederlo a Lara Zavatteri in via 4 novembre a Mezzana (val di Sole, Tn) o larazavatteri@gmail.com, spedisce ovunque.

Buona giornata!

Agata 

giovedì 31 agosto 2017

IL FUNERALE DELLA SIGNORA OLGA-ESTRATTO DEL LIBRO GRATUITO

Ciao a tutti! Per voi un estratto gratis del libro, con il funerale dela signora Olga!



Quando videro Agata avvicinarsi al vialetto della casa della signora Olga, dov'era stata sistemata la bara visto che in casa non c'era posto, i vicini non proferirono parola. La guardarono avanzare, titubante con il suo bigliettino in mano, fino a che li raggiunse. Segnò la bara con l'arnese preso dal secchiello dell'acqua santa-anche il prete era rimasto basito vedendola- depositò il biglietto sul vassoio per le condoglianze e quindi alzò lo sguardo sui presenti e accennò un saluto. Gli altri abbassarono appena la testa, come a ricambiare, senza dire una parola, come avendo paura di spezzare quella sorta di incantesimo scaturito dall'uscita di casa di Agata.
Dopo ciò, il corteo partì, attraversando la via principale del paese, per raggiungere la chiesa. Era quello il primo momento in cui normalmente la gente, a disagio per quel procedere lento-Agata non aveva mai capito il perché di quella lentezza-a disagio anche per essere pigiati l'uno all'altro, prendeva coraggio e iniziava a parlare.
Fu così che Agata si ritrovò a camminare fianco a fianco con il signor Lino, un uomo sui sessanta, in pensione, che sorrise ad Agata quasi timidamente.

Ha già seminato le patate?” chiese d'impulso Agata, meravigliandosi di essere riuscita a parlare di nuovo con un essere umano. Sapeva che il signor Lino coltivava due orti che curava con passione quasi maniacale, lo vedeva a volte spiando dalle tende, sapeva quindi che quello era un buon argomento di conversazione. Infatti il signor Lino s'illuminò tutto.

Oh, sì! Già l'altra settimana” rispose “ma la terra è secca, dovrebbe piovere di più” commentò lui, tutto contento. Evidentemente erano poche le persone che s'interessavano delle patate che seminava.

Già, è un tempo strano” disse felice Agata, introducendo un altro argomento sempre verde, appunto le condizioni climatiche.

, fa troppo vento, secca tutto, spero che cambi, a volte la mattina gela ancora, pensi un po'. E lei, ha già trapiantato le viole?” Il signor Lino sapeva che Agata tanti anni prima aveva varie aiuole di viole, ma che da tanto non le curava più, però gli sembrò simpatico chiedere. Anche Agata sapeva che lui sapeva, ma le sembrò scortese far notare l'incuria del suo giardino.

No, non ancora, aspettavo per l'appunto che facesse più caldo” rispose.

Ah!” disse il signor Lino, annuendo, pensando al gelo che altrimenti avrebbe fatto morire le viole di Agata.

Così, per il momento, con quello scambio incentrato sulla semina delle patate e sui trapianti di viole, il primo colloquio di Agata da decenni finì lì. Però, pensò lei, avrebbe anche potuto piantarle di nuovo, le viole. Sì, avrebbe potuto farlo ancora. Il corteo nel frattempo raggiunse la chiesa, tutti presero posto nei banchi di legno, la bara fu deposta davanti all'altare. Iniziò la funzione e tutti tacquero, rispondendo alle litanie del parroco tutti insieme, nessuno che finisse prima o dopo, e anche questo Agata non l'aveva mai compreso, per cui bisognava attendere il secondo corteo, quello verso il cimitero, a fine funzione, per poter attaccare bottone con qualcun altro. Intanto, tutti avevano notato Agata, stupefatti dalla sua presenza, tutti tranne il signor Lino, contento che qualcuno si fosse interessato alla sua produzione agricola.
Finita che fu la cerimonia, la bara venne portata con il carro funebre fino al cimitero, mentre il secondo corteo avanzava, sempre lento, sempre con qualcuno che aveva paura di pestare i piedi alla persona che aveva davanti. Agata aveva pensato di continuare la conversazione agricola con il signor Lino, ma questi era rimasto in fondo alla fila, per cui le sarebbe stato impossibile.
Intravide la signora Elsa, con un casco di capelli blu da far spavento. Di solito le vecchiette quando vanno dalla “pettinatrice” (termine che usano anziché dire parrucchiera) per la permanente, ne escono con i capelli leggermente bluastri, con sfumature che vanno dal pallido azzurro ad un blu un poco più accentuato, ma sono solo riflessi. La signora Elsa invece aveva i capelli blu elettrico alla Lucia Bosè se non peggio. Agata si trattenne dal ridere per quello che sicuramente era stato un inconveniente della “pettinatrice” e le si avvicinò. La signora Elsa la vide, ma guardò per terra, un po' perché non sapeva che dire un po' per la vergogna per quei suoi capelli.

Salve, come va?” disse invece Agata, per nulla scoraggiata. L'ombra della casa di riposo, infatti, era sempre presente nella sua mente.

Ah, bene grazie” tentennò la signora Elsa. Poi, come spinta da un impulso irrefrenabile, sbottò:
Lo so, sono terribili. Ma che potevo farci? La pettinatrice ha una nuova assistente e quella ha sbagliato le dosi di non so che, e adesso ho i capelli così, avevo pensato di metterci un cappello, un foulard, ma è tutto inutile” piagnucolò la signora Elsa.

Agata annuì.
Non le hanno proposto qualche soluzione?” chiese alla fata turchina.

Ah, sicuro! Volevano radermi a zero la testa, ecco cosa volevano fare! Sarei sembrata un naziskin, un ultrà, una borseggiatrice di strada!” rispose irosa la signora Elsa. Si capiva che, dalla pettinatrice, si doveva essere svolta una lite furibonda.

mercoledì 30 agosto 2017

I LIBRI SELF E GEOLIBRISELF




Ciao a tutti!
Vi invito a visitare il blog di Lara, Geolibriself, un'iniziativa pensata per tutti gli autori di libri self publishing (anche Agata lo è), dateci un'occhiata! A presto e buon inizio di settembre!

Agata

http://geolibriself.blogspot.it/

lunedì 14 agosto 2017

LA STAFFETTA ETERNA...LA SIGNORA CLEMENTINA OSVALDA, UN ESTRATTO GRATIS DEL LIBRO PER VOI

  Ciao a tutti! Oggi vi propongo questo estratto gratuito del libro Agata.Come un funerale ti salva la vita, in particolare della storia della signora Clementina-Osvalda, staffetta partigiana durante la guerra, che poi ha continuato a volerlo essere anche quando il conflitto è terminato....Leggete qui sotto:






La famiglia aveva tentato di farla ragionare, ma la signora Osvalda, che si guadagnava da vivere facendo la maestra, appena poteva s'inventava queste scenette di cui tutti erano a conoscenza, ma che tutti fingevano di ignorare.
Se fosse impazzita durante la guerra fu un interrogativo che molti si posero, ma lei pareva del tutto sana, solo che aveva bisogno di fare la staffetta partigiana, ecco tutto. Così, anno dopo anno, decennio dopo decennio la signora Osvalda, che non si era mai sposata, visto che nessuno se l'era sentita di prendere in moglie una che doveva fingere che la guerra non fosse mai finita, consumò diverse biciclette nei suoi vagabondaggi e continuò a farlo anche da vecchia, fino a quando la morte la colse proprio in sella al suo mezzo preferito. 



A presto!

Agata 

mercoledì 9 agosto 2017

LA BIENNALE INTERNAZIONALE DELL'UMORISMO DEDICATA A PAOLO VILLAGGIO


 http://www.ultimaedizione.eu/wp-content/uploads/2017/07/fantozzi-paolo-villaggio.jpg



Ciao a tutti!
Quest'estate dal 25 agosto si svolgerà la Biennale Internazionale dell'umorismo nell'arte che sarà dedicata alla memoria di Paolo Villaggio e del personaggio che gli ha regalato la fama, ovvero il ragionier Ugo Fantozzi. 
Per saperne di più su quest'evento dedicato all'umorismo vi invito a visitare la pagina al sito
BIENNALE UMORISMO

Nb. Grazie alla signora Elda che recentemente ha acquistato il mio libro, una lettrice che mi segue dallo scorso anno, spero che si divertirà leggendo le mie avventure. Per ridere, vi ricordo il mio libro "Agata.Come un funerale ti salva la vita". 

A presto!

Agata

mercoledì 2 agosto 2017

VANITA'....

Ciao a tutti!
Uno dei protagonisti delle storie è il signor Cesare, un uomo che da giovane è stato davvero bello, un vanitoso da far schifo, un pò come lo sono tutti coloro che sanno di essere belli.
Ad un certo punto però le cose sono cambiate e sulla faccia di Cesare è comparso un bitorzolo sul naso, che non se n'è più andato. Immaginate la sua disperazione nel vedere la sua bellezza svanita!
Per di più, la gente al momento della sua dipartita crede che sia stato il crepacuore, il dolore per quel bitorzolo che non è più riuscito a togliere!
Da non credere...

Il resto sul libro, un caro saluto!

Agata

lunedì 31 luglio 2017

LEGGERE PER DIVERTIRSI E AGATA SCONTATO SU IBS



Ciao a tutti!
Leggere può essere un buon modo per divertirsi, basta trovare il libro giusto! Ecco un testo che vi consiglio
"Una banda di idioti" con recensione tratta da Ibs, dove potete trovare il libro

La "Banda" è ambientato nella città natale di Toole, New Orleans, e racconta la storia di Ignatius O'Reilly, un personaggio definito da Walker Parcy "senza alcun precedente nella storia della letteratura mondiale". Ignatius, grasso e indolente giovane uomo di talento, laureato in filosofia medievale, se la prende con tutto e con tutti. Accusa il mondo intero di buttare nella spazzatura una vita fatta di TV, musica inascoltabile e fesserie varie. Senonché trascorre lui stesso gran parte della giornata in questo modo. Si ritiene un genio, ma non riesce a produrre nulla di convincente, se non pasticci. La madre lo salva in svariate situazioni, finché un giorno viene arrestato in stato di ubriachezza, e lei cerca di ricoverarlo...

Oltre a questo, naturalmente vi consiglio "Agata.Come un funerale ti salva la vita" ora scontato su Ibs!

Agata IBS

Buone letture!

Agata 

martedì 25 luglio 2017

ESTRATTO GRATUITO DAL LIBRO, LA SIGNORA OLGA E I CONSIGLI COMUNALI

Ciao a tutti! Ecco per voi un piccolo estratto del libro "Agata. Come un funerale ti salva la vita", con una delle protagoniste, la signora Olga. Leggetelo! 

A presto,
Agata 

nb. Se siete in vacanza a Mezzana in valle di Sole (Trentino) potete acquistare il libro anche al punto di lettura o trovate Lara Zavatteri  in via 4 novembre 21, di fronte all'hotel Salvadori. 







Siccome le gambe ancora la reggevano, faceva qualche passeggiata per il vicinato, faceva ancora la spesa da sé, scandalizzata per come i prezzi avevano subito un'impennata-mica costavano così i pomodori, nel Sessanta- le piaceva tra l'altro partecipare al consiglio comunale tanto per far clamore.
La signora Olga non capiva un'acca di quanto discutevano durante la riunione, ma le piaceva sedersi sulla poltroncina della sala, guardarsi attorno-gli altri, costernati, si domandavano cosa ci facesse un fossile del genere in quel posto-ma siccome la signora Olga un fossile non si sentiva, né si sarebbe mai sentita, faceva quello che le pareva. Sempre.
Sicché se ne stava seduta qualche ora, sperando di assistere a qualche zuffa. Non era raro che tra qualche consigliere di minoranza e uno di maggioranza-a volte più d'uno-volassero parolacce, a volte si arrivava alle mani su questo o quell'argomento per cui si avevano visioni diverse, ed erano quei momenti che divertivano la signora Olga. Perché starsene a casa a vedere polizieschi o ricostruzioni di omicidi per televisione, quando poteva vedere dal vivo una rissa, certe volte con qualche bel pugno sul naso? Avrebbe tanto voluto cacciarsi anche lei nella mischia-perché quando accadevano simili incidenti tutti si avvicinavano, un po' per distanziare i contendenti, un po' per dirne quattro anche loro-avrebbe voluto menar colpi anche lei, specialmente a chi non le stava simpatico-quasi tutti-ma sapeva che l'avrebbero messa a sedere in un attimo. Comunque, anche solo sentire parolacce e bestemmie da chi andava in chiesa tutte le domeniche, era già di per sé uno spasso.

giovedì 13 luglio 2017

AGATA IN BREVE...ETICHETTE SULLA TRAMA

agata
volantino
casa di riposo
eremita
funerali
personaggi assurdi
funerali strani
risate
ridere con un libro
libro umoristico
lara zavatteri scrittrice

martedì 11 luglio 2017

PERSONAGGI DEL LIBRO

Ciao a tutti. Nel libro Agata.Come un funerale ti salva la vita i personaggi sono uno più strano dell'altro.

C'è la signora Olga, che realizza creazioni di pasta pane e pantofole di lana cotta in quantità industriali e partecipa a consigli comunali solo per sperare di assistere a qualche zuffa;

c'è il signor Cesare, da giovane un ragazzo bellissimo, poi costretto a vivere con un enorme bitorzolo sul naso;

c'è la signora Edvige, che aveva pianificato tutta la sua vita, anche quando doveva morire-ma invece è andata prima al Creatore-;

ci sono i gemelli Alex e Walter, gemelli siamesi, uniti in più parti del corpo, che però riescono a condurre una vita felice;

ed altri di cui partecipo ai funerali. Con me ci saranno due amici, la signora Ofelia, caratteristica per il suo modo di parlare e il signor Lino, appassionato di orti. Ad un certo punto, in una delle vicende, io ed altri saremo costretti a recitare da soli la messa per due personaggi. Che roba!

Scopriteci tutti nel libro "Agata. Come un funerale ti salva la vita" su www.youcanprint.it e store online, oppure richiedendolo a larazavatteri@gmail.com o a Mezzana in valle di Sole (Trentino) a Lara Zavatteri in via 4 novembre 21.

Grazie mille a chi anche in questi giorni ha acquistato online il libro, buona lettura!

Agata (e Lara)

martedì 4 luglio 2017

RIDERE CON AGATA



Un libro può servire anche ad avere un pò di buonumore. Per questa estate, perchè non scegliete di leggere la mia storia? Si tratta in realtà di tante storie, ma tutto parte da me e dalla mia situazione. I funerali sono il mezzo con cui spero di uscire dal mio isolamento, ma non mi aspettavo di partecipare ad esequie di gente tanto strana, per non dire che ne incontro di bizzarra anche tra coloro che sono ancora in vita.

Vi ho incuriosito?
Compratelo su Amazon

Buona lettura e buone risate, anche la mia creatice, Lara, ha copie subito disponibili se volete!

Agata

venerdì 30 giugno 2017

GATTO NELLA SCODELLA

 "Son ben qui en pò strent!"
(Per i non trentini/solandri traduzione: Sono qui un pò stretto)

Un saluto e un sorriso,

Agata


 http://www.taxipet.it/wp-content/uploads/2016/10/2CatinBowl-1-e1477300273542.jpg

venerdì 23 giugno 2017

I MIEI PERSONAGGI PREFERITI DEL LIBRO



Ciao a tutti. Fra tutti i protagonisti del libro, devo dire che i mie preferiti sono don Adolfo e Clorinda. Sono un prete e la sua perpetua sordomuta che s'innamorano, ma che ovviamente non possono amarsi alla luce del sole. Decidono così di fuggire per una destinazione sconosciuta, tanto che i parrocchiani pensano alle mete più assurde tipo la Foresta Amazzonica o Machu Picchu, per vivere la loro storia. Un po' alla Uccelli di rovo, non vi pare? Nel libro si racconta la loro vicenda e i loro funerali, dove accade che, per il gesto del prete, non si vuole dire loro una Messa. Ma allora, come si farà? Scopritelo leggendo il libro!

Un saluto buon fine settimana

Agata

martedì 20 giugno 2017

RIDERE CON UN LIBRO CHE PARLA DI FUNERALI



Ciao a tutti. Dunque, la mia storia è quella di una donna che per non finire rinchiusa in una casa di riposo sceglie di tornare in società. Erano decenni che non uscivo di casa, non è mica stato facile, che credete? L'idea che mi è venuta è stata allora di partecipare ai funerali della gente, perché in questo modo le persone mi avrebbero vista ma non avrei dovuto parlare troppo, per rispetto del morto. Insomma, non era uno sforzo immane. Con il tempo mi sono accorta che ogni funerale era strano e la gente di cui si celebravano le esequie di solito piuttosto strambe, ma ho anche conosciuto nuove persone e...insomma per il resto leggete la mia storia nel libro!

Dove trovarlo
Ibs
LaFeltrinelli
Mondadori Store
Amazon
altri negozi online di libri inserendo il titolo

richiedendolo a larazavatteri@gmail.com
di persona in via 4 novembre 21 a Mezzana in valle di Sole (Trentino)
sempre a Mezzana è possibile acquistarlo in biblioteca 


Con affetto

Agata 

Ps. Una scultura che se la ride


 http://www.sculpturelanguzzi.it/images/cartella_sigplus_bacco/bacco3.jpg
 

lunedì 12 giugno 2017

100 post



Risultati immagini per 100 post

Eh già! Il blog ha raggiunto il traguardo dei 100 post. Grazie a tutti coloro che lo seguono e che hanno acquistato il libro Agata.Come un funerale ti salva la vita, grazie di cuore. Il libro inoltre è stato inviato per l'iniziativa "Un libro per Amatrice" alla redazione di RietiLife, ha partecipato ad una puntata di RadioBook -nel blog potete ascoltare un estratto- e ne ho parlato anche a Rai Radio 1 all'interno dell'iniziativa "Safari lettearario".
Ora insieme a tutti gli altri miei libri, fino ad ottobre, partecipa all'iniziativa benefica a favore del canile di Naturno (finora complessivamente 80 euro) e per altri piccoli progetti (finora per la ricerca sull'autismo e per i bambini in ospedale con la fondazione Mc Donald Italia). Fino ad ottobre basta acquistare un libro, questo o altri di Lara Zavatteri e 1 euro va a uno dei due progetti (canile o altri piccoli progetti).
Per averlo www.youcanprint.it, Ibs, La Feltrinelli, Amazon, potete richiedelo a larazavatteri@gmail.com o a Mezzana, val di Sole, Trentino trovarlo da acquistare alla biblioteca comunale o dall'autrice in via 4 novembre 21.

Grazie e altri 100 di questi post!
Agata (e Lara)

LE PANTEGANE NEL LIBRO AGATA

http://lex.staticserver1.com/static/it/800/rattus.jpg


Cari amici, ebbene sì. Costei è un esemplare di pantegana, che si trova anche nel libro Agata. Come un funerale ti salva la vita. In particolare sono pantegane quelle fotografate dal signor Enea, fotografo cieco (vede le ombre) che le segue grazie ai loro squittii. Questa ed altre stranezze nel libro, tutto da ridere! Buona settimana!

Agata

martedì 30 maggio 2017

COME INIZIA AGATA COME UN FUNERALE TI SALVA LA VITA

Ciao a tutti. Ecco come inizia il libro:

Le prime volte non era stato facile. Perdio, non era stato facile per niente. Eppure con il tempo e l'abitudine, pian piano ci aveva fatto, incredibilmente, la mano. Adesso partecipava a tutti i funerali, ovviamente anche a quelli della gente che poco conosceva. Le prime volte cercava sempre di sapere qualcosa, della gente che conosceva pochino, non perché le importasse naturalmente, solo per avere qualche aneddoto per attaccar bottone, ma poi un po' alla volta quelli erano venuti da sé, senza bisogno di sapere niente. Così Agata, una donna che aveva superato da qualche tempo i settanta, ma ne dimostrava molti meno, (l'età vera non la sapeva nessuno) vedova da alcuni decenni, attiva se non fosse stato che ormai non faceva quasi più niente, che per anni non era più uscita dalla porta di casa, aveva trovato il modo per socializzare nuovamente con la gente: partecipare ai funerali. 



Se volete ascoltare il seguito, cliccate sul logo a destra in alto del blog! 

lunedì 29 maggio 2017

DON CAMILLO E PEPPONE-LA CANZONE DEL PIAVE

Don Camillo e Peppone sono due personaggi letterari portati sul grande schermo da Fernandel e Gino Cervi. In questo video divertente e insieme commovente, Don Camillo impedisce a Peppone di parlare grazie alla Canzone del Piave. Peppone, che con Don Camillo ha combattuto quella guerra, si commuove e anzichè parlare contro l'ersercito, ricorda le battaglie dei "ragazzi del'99" com'erano lui e Don Camillo.

martedì 23 maggio 2017

SORRIDERE CON AGATA



Cari amici,
una piccola immagine per farvi sorridere!







Con il libro Agata.Come un funerale ti salva la vita la mia creatrice, Lara Zavatteri, sta portando avanti (anche con tutti gli altri suoi libri, date un'occhiata su www.larazavatteri.blogspot.com) un'iniziativa benefica da un lato con dei soldini per il Canile di Naturno (Bolzano) dall'altra con mircroprogetti, due già concretizzati sulla ricerca per l'autismo e per la fondazione Mc Donald Italia per i bambini in ospedale.

Potete contribuire acquistando i libri online su www.youcanprint.it, Amazon, Ibs, La Feltrinelli, Modadori Store, Giuntialpunto.it o richiedendo a Lara a larazavatteri@gmail.com (spedisce ovunque) o a Mezzana in via 4 novembre 21. Su ogni copia 1 euro viene accantonato o per il canile o per altri progetti.

Grazie di cuore a chi ha contribuito finora e a chi lo farà!

Agata

martedì 16 maggio 2017

SOPRAVVIVERE AGLI STRONZI

 https://tapirullanza.files.wordpress.com/2016/01/cacca-di-arale.jpg


Cari amici,
quotidianamente ci troviamo a contatto con una particolare categoria di persone che fanno di tutto, chissà perchè, per renderci la vita un vero inferno: gli stronzi. Come sopravvivere agli stronzi? 

1) Ricordatevi da chi arriva una critica o una frase che vi fa star male. La maggior parte delle volte, se non tutte, sono sempre persone che dovrebbero guardare se stesse e tacere.

2) Rispondete a tono. Questa è un pò difficile perchè spesso non siamo preparati a sentirci trattare male, ma rispondere a tono, anche con una battuta, è una di quelle cose che gli stronzi non si aspettano.

3) Parlatene il meno possibile. Quando qualche stronzo ci fa star male, solitamente ne parliamo con qualcuno, un familiare, un amico ecc...Ecco, cercate di non continuare a rimuginarci sopra e parlarne. Gli stronzi non meritano il vostro tempo. 

4) Fate un rapido elenco delle vostre qualità. Vi farà star bene e capire quanto siet diversi dagli stronzi.

5) Uscite, andate a fare 4 passi, muovetevi. In una parola, distraetevi.

6) Leggete cose divertenti, ad esempio il mio libro Agata.Come un funerale ti salva la vita.

7) Sorridete anche quando qualche stronzo vi ha rovinato la giornata. E' dura, ma ce la potete fare. 

Buona giornata!

Agata

martedì 9 maggio 2017

RIDERE CON ROBERTO BENIGNI

Cari amici, ecco cos'ho trovato in Rete. Quanto è vero!

Buoni sorrisi e buone risate, anche se non ne avete voglia!

Agata

Nb. Vi ricordo che per sorridere  e ridere, c'è sempre il mio libro ;)

martedì 2 maggio 2017

ESTRATTO AUDIO DEL LIBRO AGATA DA ASCOLTARE GRATIS



Dopo la messa in onda ora è disponibile il podcast con l'estratto delle prime pagine del libro Agata. Come un funerale ti salva la vita su Radiobook. Grazie mille a Giulia Mastrantoni per l'opportunità!
Ascoltate le prime pagine al link che segue e, se volete, potete anche scaricare gratis il podcast!

PODCAST AGATA

se per caso non dovesse funzionare cliccate su
http://radiobigworld.com/radio-book/
la puntata è la numero 14!

lunedì 24 aprile 2017

DI COSA PARLA AGATA COME UN FUNERALE TI SALVA LA VITA


Agata è una donnina che da anni ha deciso di restare isolata dal mondo, fino a che trova sotto la porta un volantino che reclamizza una casa di riposo. Spaventata all'idea che qualche vicino la voglia internare, decide di rientrare in società, partecipando ai funerali. Così, il lettore conosce gente strana e funerali ancora più strambi, impara a conosce Agata e le persone accanto a lei. Tutto da ridere.

Il libro, insieme a Un cane di nome Giuliano, è stato donato quest'anno dall'autrice per l'iniziativa “Un libro per Amatrice” curata da RietiLife, per le popolazioni colpite dal terremoto.

Su www.youcanprint.it, Amazon, Mondadori Store, LaFeltrinelli e store online di libri, scrivendomi a larazavatteri@gmail.com o mi trovate a Mezzana in via 4 novembre 21 (Trento).

Questo libro, come tutti gli altri, partecipa alle iniziative benefiche fino ad ottobre, con 1 euro accantonato su ogni copia. Beneficeranno dei fondi raccolti in primis il Canile di Naturno, poi altri piccoli progetti online o sul territorio che saranno resi noti a fine iniziativa.

Grazie e buona lettura!

Lara Zavatteri-scrittrice-

martedì 18 aprile 2017

AGATA SU SCRITTORI INDIPENDENTI-INFINITI MONDI



Grazie mille a Andrea del sito Scrittori Indipendenti-Infiniti Mondi per avermi ospitato!
Leggete qui
Scrittori indipendenti
Trovate anche il link per comprare il libro su Amazon

Grazie e buona settimana!

Agata

mercoledì 12 aprile 2017

LA SIGNORA OLGA E I CONSIGLI COMUNALI-ESTRATTO DAL LIBRO AGATA COME UN FUNERALE TI SALVA LA VITA

Come promesso, ecco un piccolo estratto dal libro "Agata.Come un funerale ti salva la vita", qui con protagonista la signora Olga che, nonostante l'età, si ostinava a partecipare ai consigli comunali. Ma perchè? Scopriamolo insieme!

Siccome le gambe ancora la reggevano, faceva qualche passeggiata per il vicinato, faceva ancora la spesa da sé, scandalizzata per come i prezzi avevano subito un'impennata-mica costavano così i pomodori, nel Sessanta- le piaceva tra l'altro partecipare al consiglio comunale tanto per far clamore.
La signora Olga non capiva un'acca di quanto discutevano durante la riunione, ma le piaceva sedersi sulla poltroncina della sala, guardarsi attorno-gli altri, costernati, si domandavano cosa ci facesse un fossile del genere in quel posto-ma siccome la signora Olga un fossile non si sentiva, né si sarebbe mai sentita, faceva quello che le pareva. Sempre.
Sicché se ne stava seduta qualche ora, sperando di assistere a qualche zuffa. Non era raro che tra qualche consigliere di minoranza e uno di maggioranza-a volte più d'uno-volassero parolacce, a volte si arrivava alle mani su questo o quell'argomento per cui si avevano visioni diverse, ed erano quei momenti che divertivano la signora Olga. Perché starsene a casa a vedere polizieschi o ricostruzioni di omicidi per televisione, quando poteva vedere dal vivo una rissa, certe volte con qualche bel pugno sul naso? Avrebbe tanto voluto cacciarsi anche lei nella mischia-perché quando accadevano simili incidenti tutti si avvicinavano, un po' per distanziare i contendenti, un po' per dirne quattro anche loro-avrebbe voluto menar colpi anche lei, specialmente a chi non le stava simpatico-quasi tutti-ma sapeva che l'avrebbero messa a sedere in un attimo. Comunque, anche solo sentire parolacce e bestemmie da chi andava in chiesa tutte le domeniche, era già di per sé uno spasso. 


Per avere il libro rivolgetevi a Lara (larazavatteri@gmail.com) o lo trovate su Internet www.youcanprint.it, Ibs, inserendo il titolo, a Mezzana in val di Sole (Trentino) lo trovate in biblioteca da acquistare.  

lunedì 10 aprile 2017

COSE PER CUI ESSERE FELICI




Cari amici,
a volte è difficile trovare cose per cui essere contenti. Sono le piccole cose che possono darci felicità, sembra forse banale ma non lo è. Ecco un piccolo elenco di cose che possono farvi felici, che ne dite di aggiungere le vostre con un commento?

Una giornata di sole
I primi fiori di primavera
La prima farfalla
Il canto timido di qualche grillo
Una passeggiata con il proprio cane
Una carezza ad un micio
Del tempo con le persone che si amano
Leggere qualche pagina di un libro
L'orchidea di casa che sboccia
Scrivere (per chi ama farlo)
Finire un progetto (e pensarne di altri)
Donare qualcosa a qualcuno
Regalarsi qualcosa, specie quando non lo si fa mai!

Ecco una piccola lista, che ne dite di continuarla voi? 

Un sorriso e, se volete, leggetemi nel libro Agata.Come un funerale ti salva la vita.

Agata  

Nb. In settimana qualche altro estratto del libro e grazie mille per le oltre 3 mila visualizzazioni!!! 

lunedì 3 aprile 2017

L'ETERNA STAFFETTA PARTIGIANA, ESTRATTO DAL LIBRO AGATA

La signora Clementina, infatti, aveva un padre partigiano e aveva chiesto di poter partecipare anche lei, di dare il suo contributo. Inizialmente il padre non ne voleva sapere ma poi, vista l'insistenza della figlia, con gli altri capi partigiani aveva deciso di affidarle dei compiti da staffetta partigiana: in sella alla sua bicicletta la signora Clementina, nome da partigiana Osvalda (Agata non aveva mai capito perché i partigiani, molte volte, si fossero “battezzati” con nomi tanto assurdi) portava messaggi cifrati, recapitava pacchetti, forniva notizie.
Non era un compito facile, perché doveva pedalare anche in montagna, e soprattutto era pericoloso perché c'era sempre il rischio di essere perquisita e fermata dal nemico, cosa che, però, non avvenne mai. Forse per il suo aspetto gracile, che la faceva sembrare più piccola di quanto non fosse, al nemico non doveva sembrare possibile che quella bimbetta costituisse un pericolo.
La signora Osvalda era fiera di ciò che faceva e nonostante il pericolo, o forse proprio per quello, non rifiutò mai un compito che le era stato assegnato da qualche partigiano. Alla fine della guerra suo padre e gli altri partigiani le resero merito assegnandole un compenso simbolico, una nuova bicicletta e una pergamena, tipo un attestato, che spiegava il suo ruolo nella Resistenza.
La signora Osvalda era felicissima, ma quando si ritornò alla vita di tutti i giorni, capì che la staffetta partigiana era stata solo una parentesi, che ora tutti si aspettavano che le donne tornassero a fare le donne. E basta. Solo che la signora Osvalda non era il tipo da fare “solo la donna”, sicché, mentre cresceva e diventava adulta, mentre era riuscita a diventare maestra, dall'altro non si rassegnò mai alla fine della sua vita da staffetta.
Così, impose a tutti di chiamarla sempre Osvalda e mai più Clementina e con la bicicletta nuova avuta in dono dai partigiani percorreva più volte alla settimana gli stessi sentieri sui monti e in generale gli stessi percorsi che aveva fatto molte volte durante la guerra. Era arrivata al punto di scrivere messaggi per gente che non esisteva, messaggi assurdi che parlavano di appostamenti, munizioni, operazioni segrete...

giovedì 30 marzo 2017

ANIMALI CHE RIDONO



Anche gli animali ridono e sorridono! Guardate qui! Per restare in tema vi suggerisco anche il libro “Orsi che ridono” e, se volete fare due risate, ovviamente il libro che parla di me “Agata. Come un funerale ti salva la vita”. A presto, con un pizzico di buonumore

Agata

Ecco il link del libro "Orsi che ridono"


 

lunedì 27 marzo 2017

LE PANTEGANE DEL SIGNOR ENEA


Ciao a tutti! Oggi vi parlo di uno dei protagonisti del mio libro, ovvero il signor Enea. Dovete sapere che il signor Enea è cieco dalla nascita, o per meglio dire vede solamente ombre, eppure nonostante questo è riuscito a diventare fotografo, persino più bravo di un altro fotografo che invece ci vede benissimo ed è geloso di lui, tanto che in occasione del funerale ne combinerà una bella.
Il signor Enea è stato anche un tipo eccentrico, tanto da fotografare, ad esempio, le scritte nei bagni pubblici (ve le immaginate le signore della buoncostume, che orrore!) e la vita e morte di una pantegana, che ha seguito sentendo i suoi squittii ed ha poi trovata morta, seduta.
In ultima, ha curato anche la mostra di un gruppo di maiali fuggiti da un camion, visitabile postuma. Insomma, un tipo certamente non usuale.

Se volete scoprire la sua storia, quella degli altri protagonisti e la mia, non vi resta che leggere il libro Agata. Come un funerale ti salva la vita. Su www.youcanprint.it, Ibs, Mondadori Store, in biblioteca a Mezzana in valle di Sole (Trentino) o richiedendolo a larazavatteri@gmail.com, tra l'altro il libro partecipa alle iniziative benefiche per il Canile di Naturno (Bolzano) e per altri micro progetti benefici per associazioni del territorio e online.

A presto!

Agata

giovedì 23 marzo 2017

CASE CHE RIDONO!

Cari amici, anche le case ridono! Guardate qui sotto

http://www.focusjunior.it/site_stored/imgs/0001/022/3187265-case-che-ridono-quando-le-finestre-e-le-porte-sorridono-ai-passanti.630x420.jpg







http://www.repubblica.it/images/2012/11/10/094656035-f7fbce42-a3d8-4561-b97c-95c627f29267.jpg


http://blog.casa.it/wp-content/uploads/2013/03/happy_house3.png
Visto? Anche le case se la ridono. Vi saluto e vi ricordo che acquistando il libro Agata.Come un funerale ti salva la vita partecipate ai progetti benefici sui libri di Lara Zavatteri, in aiuto al Canile di Naturo (Bolzano) e micro progetti locali e non. Inoltre, mi trovate anche in biblioteca a Mezzana, in val di Sole (Trentino), online su www.youcanprint.it, Ibs, La Feltrinelli (inserendo titolo o lara zavatteri) o richiedendo il libro a Lara in via 4 novembre a Mezzana o larazavatteri@gmail.com.
A presto, la vostra
Agata

venerdì 17 marzo 2017

INTERVISTA A LARA ZAVATTERI SU RAI RADIO 1 IN SAFARI LETTERARIO, SI PARLA ANCHE DI AGATA

La mia intervista, da ascoltare, andata in onda su Rai Radio 1 all'interno della trasmissione Safari Letterario con Nadia Mariz e Flavio Pedrotti che ringrazio. Ascoltatela, si parla di me, di scrittura e dei miei libri!




mercoledì 15 marzo 2017

AGATA IN BIBLIOTECA A MEZZANA-VAL DI SOLE

MEZZANA

Il punto di lettura di Mezzana (accanto al palazzetto dello sport) ha a disposizione alcuni libri di Agata. Come un funerale ti salva la vita, che si possono acquistare, contribuendo così alle iniziative benefiche 2017. Basta passare in biblioteca, trovate i libri sul bancone!
Grazie a Marta del punto lettura per la cortesia!

Agata

Info su orari qui
http://www.bibliotechevaldisole.it/it/biblioteche/mezzana/presentazione

martedì 14 marzo 2017

INIZIATIVE BENEFICHE 2017 CON IL LIBRO AGATA E MOLTI ALTRI

Da marzo ad ottobre, con questo e tutti i libri nella locandina qui sotto ecco le iniziative benefiche che saranno portate avanti, basta richiedere a Lara Zavatteri questo libro (o gli altri) a Mezzana in val di Sole (Trento) o larazavatteri@gmail.com o acquistarne uno (vedi locandina) su www.youcanprint.it, Ibs e negozi online di libri. Grazie a chi parteciperà. Agata




venerdì 10 marzo 2017

AGATA SU RADIO BOOK A BREVE!

Ringrazio di cuore Giulia Mastrantoni che ha letto un estratto del mio libro "Agata. Come un funerale ti salva la vita" su RadioBook, la potrete ascoltare a breve. Grazie Giulia!



Agata


mercoledì 8 marzo 2017

AGATA IN RADIO e AD AMATRICE


Ringrazio di cuore Flavio Pedrotti e Nadia Mariz per avere ospitato nella loro trasmissione “Safari letterario” su Rai Radio 1 la mia creatrice, Lara Zavatteri. Si è parlato di libri, scrittura e anche di me e del libro Agata. Come un funerale ti salva la vita. Grazie a loro e a tutti coloro che hanno ascoltato la trasmissione e che, magari, diventeranno dei nuovi lettori!

Inoltre, oggi ho avuto conferma che i libri “Un cane di nome Giuliano” e “Agata. Come un funerale ti salva la vita” sono arrivati alla redazione di Rieti Life per l'iniziativa “Un libro per Amatrice”, così i libri cercheranno di allietare un po' le persone colpite dal sisma.


Agata (e Lara)